Sports Hernia o Ernia Inguinale dello Sportivo

7 Lug 2022 | patologie

Sports Hernia

Sports Hernia e Pubalgia

Con il termine sports hernia (sport ernia) si descrive una condizione di debolezza della parete addominale a livello della parete posteriore del canale inguinale.

Chi ha praticato sport a livello agonistico o professionistico ha sentito sicuramente più di una volta parlare di pubalgia e dei lunghi periodi di cure e riabilitazione che insorgono nel trattare questa patologia. Andiamo ad analizzare realmente che cosa può nascondersi dietro questo termine che è molto noto nel vocabolario di ogni sportivo e quali sono le cure e i trattamenti che possono essere più giusti da attuare in caso di tale problematica.

Negli Stati Uniti ed in generale nella letteratura anglosassone si tende a sostituire il termine sports hernia con pubalgia dell’atleta.  Nonostante ciò, sports hernia è un termine ancora largamente usato anche se si segnalano numerosi tentativi delle società scientifiche italiane e internazionali per adottare una terminologia più adeguata.

La particolarità della sports hernia (sport ernia) è che non è un’ernia, ossia non vi è nessuna erniazione attraverso la parete addominale ma solo uno sfiancamento della stessa. Per tale motivo, il termine sports hernia (sport ernia) è stato fortemente criticato in quanto fuorviante agli occhi sia del paziente che del medico.

 

 

Cause

La causa di questo cedimento della parete addominale, tipico di molte attività sportive ed in particolare, per quanto riguarda gli sport praticati in Italia, del calcio, va ricercata nei repentini cambi di direzione associati o meno a torsione del busto sulla pelvi. La sports hernia (sport ernia) è una patologia che interessa quasi esclusivamente il sesso maschile e va investigata con grande attenzione quando sintomi simili si ritrovano nel sesso femminile.

 

 

Sports Hernia: Cosa Accade

All’inizio in buona parte dei casi, quello che avviene è un vero e proprio strappo muscolare in particolare a carico dei muscoli obliqui e della fascia trasversa dell’addome che contribuisce a formare la parete posteriore del canale inguinale. Un’altra struttura che può essere coinvolta, ed eventualmente corresponsabile della sintomatologia, è l’inserzione del retto anteriore sul margine superiore dell’osso pubico.

Tipicamente lo sportivo racconta di aver sentito un dolore acuto inguinale o nel basso addome a seguito di un movimento di torsione e scatto con piede fisso a terra. È molto raro che una sports hernia evolva in una vera e propria ernia inguinale. Al contrario è tutt’altro che infrequente osservare una cronicizzazione del dolore inguinale.

 

Cronicizzazione del dolore inguinale

Il meccanismo con cui si cronicizza il dolore è, in buona parte, oramai conosciuto. La lesione della parete addominale bassa, quale che sia la struttura anatomica maggiormente coinvolta, diviene insufficiente e la sua resistenza allo stress imposta dal gesto sportivo incapace di stabilizzare la pelvi a fronte delle forti sollecitazioni esercitate dalla muscolatura della coscia. In assenza di patologie specifiche un dolore inguinale cronico deve far sospettare la presenza di un’ernia da sport.

Questa condizione è infatti responsabile dell’insorgenza di fitte dolorose localizzate nella parte bassa dell’addome, a livello dell’inguine e del testicolo omolaterale. Circa il 50% degli atleti con un’ernia da sport lamenta inoltre fitte dolorose mentre tossisce o starnutisce. Talvolta il dolore è talmente intenso da interferire con la normale prestazione atletica del soggetto

 

 

Diagnosi

La diagnosi di questa entità è fondamentalmente clinica. L’esame clinico deve essere completo e volto ad identificare ed escludere patologie dell’anca, della colonna, della cavità addominale. In particolare queste ultime sono spesso responsabili di sindromi simili alla sports hernia nel sesso femminile. In seguito va sempre anche fatta un’ispezione e dei test nei muscoli dell’adduttori. Inoltre va valutata la mobilità dell’anca e la muscolatura addominale che spesso sono coinvolte attivamente con questa patologia.

 

Esami strumentali

Gli esami strumentali impiegati sono fondamentalmente l’ecografia e la risonanza magnetica anche con test dinamici eseguiti durante l’esame. Tuttavia possiamo sicuramente affermare che nessuna risonanza o ecografia sarà positiva ad una sports hernia la cui diagnosi rimane prettamente clinica. Il trattamento dipende ovviamente dal quadro clinico e dalla durata dei sintomi. La letteratura non riporta risultati molto soddisfacenti con il trattamento conservativo che rimane comunque quello di prima scelta sia che si tratti di sintomi prevalentemente adduttori che misti adduttori/inguinali.

 

 

Sports Hernia: Cosa Fare

Allo sportivo si chiede di fermarsi e ci si concentra a sfiammare la regione e successivamente, normalmente dopo 7-14 giorni, a ricostruire la core stability ossia la corretta sincronia e bilanciamento tra la muscolatura del tronco e gli arti inferiori. Qualora i sintomi non regrediscano o si ripresentino precocemente dopo il ritorno al gesto atletico si indica il trattamento chirurgico. I risultati chirurgici, con una corretta diagnosi, sono buoni con oltre il 90% dei pazienti che sono in grado di tornare all’attività sportiva.

 

 

 

 

FisiomedFrascati Staff

FisiomedFrascati è costantemente impegnato al fine di accrescere la conoscenza riguardante le terapie strumentali e manuali, le riabilitazioni, le patologie, i macchinari e le innovazioni riguardanti la fisioterapia.

Siamo qui per aiutarti a risolvere i tuoi problemi!

Contattaci o Prenota ora la tua visita!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati: