Il Padel, lo sport del momento: infortuni e prevenzione

9 Mar 2021 | informazioni utili

padel sport

Il Padel è senza ombra di dubbio lo sport del momento

 

Il padel è senza ombra di dubbio lo sport del momento, ha preso tutte le fasce di età della popolazione e visto il momento storico, è uno dei pochi sport che si può praticare in tutta sicurezza. Questo sport però non è recentissimo anzi, venne ideato nel 1898 dallo statunitense Frank Beal, che lo chiamò così poiché si pratica con una racchetta a piatto solido.

In Italia è praticato però da tre anni con continuità, possiamo descriverlo come un mix di dinamiche, un incontro tra il tennis e lo squash. Viene svolto su un campo di gioco, di 20×10 metri e caratterizzato da muri di fondo campo che sono parte integrante dell’area di gioco.

Il padel è coinvolgente perché facile, e soprattutto perché tutti possono giocare a livello amatoriale. Andiamo ora ad analizzare le dinamiche più comuni di infortunio e quali articolazioni sono più coinvolte.

 

 

 

Sport: il Padel e le Tipologie di Infortuni

 

Pur non essendo uno sport di contatto, il padel, comporta comunque tutta una serie d’infortuni che possono essere riassunti in diverse tipologie:

1. Accidentali: quindi causate da fattori presenti nel campo oppure dal caso, come prendere una pallata, scontrarsi con la griglia o con il vetro o colpirsi con la pala.

2. Da sovraccarico: quando le nostre articolazioni e i muscoli non sono sufficientemente allenati per sopportare lo sforzo richiesto, determinando un eccesso di carico.

3. Tecnica: quando una meccanica esecutiva non corretta provoca movimenti che possono causare delle lesioni sia a livello articolare che muscolare.

4. Preparazione: spesso si arriva al campo e si comincia a giocare, senza alcun tipo di riscaldamento. Partire senza un warm up adeguato può essere causa di lesioni muscolari.

5. Condizioni climatiche:  pioggia, freddo, caldo, umidità, sono tutti fattori che possono causare un infortunio.

 

 

 

Infortuni più comuni

 

Il padel è sostanzialmente caratterizzato da scatti, da rapidi cambi di direzione e da un uso intenso della racchetta. Queste dinamiche possono essere importanti fattori di rischio nell’insorgere di alcuni infortuni o patologie infiammatorie. Tra i principali troviamo:

  • distorsioni articolari alle caviglie e al ginocchio
  • infiammazioni o tendiniti ai muscoli del gomito (epicondilite e epitrocleite)
  • complicazioni alla spalla e alla cuffia dei rotatori
  • problemi alla schiena in particolar modo al tratto lombare

 

Il quadrante inferiore e il tronco, secondo alcuni recenti studi, sembrerebbero essere le porzioni di corpo maggiormente soggette a infortuni legati al padel.

Problematiche lombari sono tipiche di questo sport che prevede tante frenate e ripartenze, in cui bisogna stare molto spesso col baricentro basso e quindi esacerbare sul distretto lombare numerosi stress per mantenere una certa aderenza al terreno ed essere pronti a scatti e balzi verso l’alto.

Inoltre, durante il gioco, la colonna vertebrale e in particolare la zona lombare si muove continuamente su tutti i piani possibili: flessione, estensione, rotazione e lateroflessione. Ecco perché uno scarso controllo posturale, un’ inadeguata muscolatura ed un mediocre controllo motorio possono causare questo tipo di problematiche lombari. Anche praticare sport su superfici molto dure, proprio come succede nel padel, può aumentare il rischio di incorrere in questo tipo di infortunio.

 

 

Padel: Come prevenire alcuni infortuni

 

Per quanto riguarda la tecnica, nel padel, il colpo che più frequentemente può causare seri problemi alla schiena è lo smash. La posizione corretta per effettuare questo colpo, sarebbe quella di piegare le ginocchia e sollevare le caviglie per bilanciare il corpo, ma a volte, o non siamo preparati per il colpo e non abbiamo tempo per eseguire una buona tecnica, o vogliamo imprimere una forza esagerata nella racchetta e abusare del movimento del braccio e la conseguenza è un vero e proprio colpo di frusta nella zona lombare della schiena.

Un altro infortunio comune può avvenire al tendine d’Achille. Risulta chiaro, infatti, quanto questo sia sollecitato durante la pratica del padel essendo uno sport che richiede bruschi arresti e ripartenza associati a variazioni di direzione, il tendine d’Achille viene costantemente richiamato per eseguire i vari spostamenti all’interno del terreno di gioco. Proprio per questo, se l’atleta non presenta una buona forza muscolo-tendinea, il sovraccarico associato potrebbe determinare vari quadri patologici tra cui una tendinopatia.

Naturalmente qualora dovesse nascere una qualsiasi di queste problematiche, andranno diagnosticate e trattate da un professionista, medico e/o fisioterapico, per evitare recidive e l’incorrere di problemi sempre più gravi. Infine consigliamo, come sempre, per chi si avvicina per le prime volte a questo sport, di effettuare un lavoro di stretching e di preparazione sia prima che dopo la partita o l’allenamento.

 

 

 

 

FisiomedFrascati Staff

FisiomedFrascati è costantemente impegnato al fine di accrescere la conoscenza riguardante le terapie strumentali e manuali, le riabilitazioni, le patologie, i macchinari e le innovazioni riguardanti la fisioterapia.

Siamo qui per aiutarti a risolvere i tuoi problemi!

Contattaci o Prenota ora la tua visita!

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati: